La pandemia che da mesi sta colpendo tutto il mondo ha costretto un enorme numero di persone a lavorare da casa, anticipando un cambiamento che probabilmente si sarebbe affrontato ugualmente, ma in più tempo. I vantaggi del lavoro da remoto sono numerosi, sia per le aziende che per i dipendenti e questo fa pensare che anche quando sarà tutto finito, questa abitudine potrebbe diventare la normalità per molti. Ma scopriamo dunque come organizzare l’ufficio in casa: ecco alcuni consigli preziosi sull’arredo perfetto per lo smart working.

#1 Dove posizionarsi in casa

Come prima cosa dovete scegliere quale sarà la vostra postazione di lavoro in casa. Se nell’abitazione avete una stanza in più da poter adibire a studio, è un’ottima cosa. In caso contrario, non temete! Non dovrete far altro che scegliere un angolo in una stanza ben illuminata, possibilmente la più tranquilla, silenziosa, isolata da rumori esterni e da distrazioni interne. In ogni caso è sconsigliato lavorare seduti sul divano o sul letto, ma è necessario appoggiarsi a un tavolo o a una scrivania.

Se lavorerete nello studio, l’ideale è dotarsi di una scrivania apposita: nel nostro catalogo online troverete un’infinità di soluzioni differenti, ideali per qualsiasi stile di arredamento e necessità. Se lavorerete in soggiorno, in cucina o in sala da pranzo, invece, andrà benissimo il tavolo che avete a disposizione.

#2 Quali sedie utilizzare

Altrettanto importante è la scelta delle sedie da utilizzare. Dovendo passare molte ore seduti, sia per la salute della propria schiena che per favorire la concentrazione e la produttività, è fondamentale che vengano scelti complementi ergonomici e comodi, che ci aiutino ad assumere una postura corretta. Per questi motivi è bene scegliere le sedie pensate appositamente per l’ufficio e per lo studio. Grazie alle soluzioni proposte da Duzzle, poi, non dovrete rinunciare al design e alla bellezza a vantaggio della comodità. Molto indicate sono quelle girevoli e con le ruote.

#3 L’illuminazione

L’illuminazione è un altro aspetto fondamentale da valutare per scegliere una postazione ottimale, sia per non affaticare la vista, sia per mantenere la giusta concentrazione. Scegliete dunque una posizione dotata di una buona quantità di luce naturale, sempre fonte di benessere fisico.

Oltre alla luce naturale, poi, è necessario avere a disposizione anche due punti luce artificiali: uno ambientale, solitamente fornito da lampade da soffitto, e uno specifico creato dalle lampade da tavolo.