Abbiamo visto come scegliere l’illuminazione in casa, stanza per stanza, e presentato le quattro tipologie principali di illuminazione (da muro, da tavolo, da terra, a sospensione). Oggi approfondiamo le lampade da muro per interni: veri e propri complementi d’arredo, in grado di  determinare lo stile dell’intero appartamento, di creare un sistema di illuminazione coerente e armonioso e di sfruttare al meglio le pareti di ogni stanza.

Lampade da muro per interni: le caratteristiche

Ricorrere all’illuminazione da muro è una scelta abbastanza comune. Questa tipologia di illuminazione, infatti, può essere utilizzata per soddisfare numerose funzionalità differenti, tra cui:

  • Luce di fondo in ambienti non molto spaziosi (come ad esempio i corridoi);
  • Luce d’accento per mettere in evidenza e valorizzare un determinato elemento (ad esempio un quadro), o uno spazio specifico piuttosto che un altro;
  • Luce funzionale, come soluzione alternativa alla classica abatjour da comodino;
  • Luce principale dell’ambiente (tuttavia, per soddisfare quest’ultima funzione solitamente vengono scelte altre tipologie di illuminazione).

L’illuminazione da muro si presenta in svariate forme differenti per assecondare i gusti, lo stile e le necessità di tutti. Riesce a rendere ogni stanza calda e accogliente, oltre che moderna e ricca di stile.

Altezza illuminazione da muro: come stabilirla

Affinché si avveri tutto ciò di cui abbiamo parlato sopra, è di fondamentale importanza stabilire l’altezza giusta a cui fissare le lampade da muro all’interno di una casa. La regola generale vuole che questi elementi vengano posizionati ad un’altezza superiore rispetto a quella dell’occhio umano (dunque sopra i 150 – 180 cm). In linea di massima, in ambienti dalle misure standardizzate, con i soffitti da 270 cm e le porte da 210 cm, l’altezza migliore a cui fissare le lampade da muro è tra i 190 cm e i 220 cm.

Tuttavia, il criterio principale da valutare, in base al quale stabilire l’altezza utile, è la funzione d’uso specifica dell’elemento:

  • Se si utilizza come luce d’accento per mettere in evidenza un elemento decorativo, la lampada deve essere posizionata più in alto o più in basso rispetto al complemento d’arredo;
  • Se si utilizza come soluzione alternativa alla classica abatjour da comodino, dovrà essere posizionata molto in basso.

Lampade da muro: le soluzioni Duzzle

Scoprite le numerose soluzioni proposte da Duzzle.it per le lampade da muro per interni: tante idee per illuminare la vostra casa con complementi moderni, di design e ricchi di stile. Scegliete l’elemento che si abbina meglio al resto dell’arredamento o quello che soddisfa completamente i vostri desideri e le vostre esigenze.