Avete deciso di collocare in casa dei complementi dallo stile antico e vintage, affianco a elementi più contemporanei e attuali? Ovviamente questo è possibile e, se si procede correttamente e con le dovute attenzioni, il risultato sarà senza dubbio eccellente… E originale! Ecco delle regole da seguire e alcuni consigli preziosi su come abbinare un arredamento classico e moderno, senza commettere errori.

#1 Scegliere lo stile predominante tra classico e moderno

Ok mixare due stili differenti, ma di base è bene stabilire tra i due quello predominante e, solo successivamente, “sporcarlo” con dei pezzi appartenenti all’altro stile. Ad esempio, potrete decidere per ambienti moderni, con massimo due o tre complementi antichi. Oppure al contrario, potrete decidere di arredare le stanze con uno stile classico e inserire solamente due o tre elementi moderni.

#2 Giocare con i vari complementi

In ogni ambiente moderno potrete inserire complementi classici o viceversa: giocate con i contrasti! All’ingresso, per esempio, potreste affiancare ad una consolle svuotatasche classica in legno, un porta ombrelli in vetro moderno. In soggiorno optate per una poltrona o per un divano dalle forme vintage, abbinati a un mobile porta tv contemporaneo. In cucina o in sala da pranzo, invece, abbinate un tavolo in legno antico a delle sedie moderne, magari in plexiglass o in metallo. In camera da letto affiancate un letto moderno dalla struttura in similpelle a un comò in legno o, in alternativa, a un baule antico da posizionare ai piedi del letto.

#3 Evitare di appesantire gli ambienti

I mobili e i complementi dal sapore antico tendenzialmente hanno delle dimensioni piuttosto grandi e ingombranti. Per evitare di appesantire gli ambienti, dunque è bene non esagerare con la presenza di elementi grandi e maestosi. Nelle stanze piccole, invece, è proprio sconsigliato inserire tavoli, armadi, cassettiere, poltrone o divani classici che, riempiendo l’ambiente, lo faranno sembrare ancora più ristretto.

#4 Rispettare una palette cromatica

Se questa regola deve essere rispettata ogni volta che si arreda un ambiente, a prescindere dallo stile scelto, a maggior ragione è molto importante seguirla quando si decide di accostare due stili differenti. Fate particolare attenzione con i complementi in legno, in quanto è molto facile che siano realizzati in gradazioni completamente differenti dello stesso “color legno”. Un interno con troppi colori trasmette disordine.

#5 Reinventare le funzioni dei complementi

Un’altra buona idea per abbinare alla perfezione complementi antichi a elementi moderni, e ottenere un risultato assolutamente gradevole, è quella di reinventare completamente le funzioni degli stessi. Dunque, prendete un oggetto dallo stile classico e regalategli una nuova vita cambiandone la destinazione d’uso. Ad esempio, trasformate una credenza antica in una libreria, una consolle in comodino, una madia in un mobile in cui appoggiare il lavabo, o ancora inserite una bergère in un salotto minimalista.