Illuminare quadri o altri elementi decorativi, ponendo così l’attenzione su di essi e mettendo in risalto determinate zone della casa, permette di valorizzare non solo le opere stesse, ma anche l’ambiente che le ospita. Chiaramente per ottenere il risultato desiderato si devono seguire delle semplici regole ed è bene valutare come e quanta luce utilizzare e dove posizionare i punti luce: ecco dunque alcuni consigli su come illuminare i quadri.

Come valorizzare i quadri con la luce

I modi migliori per illuminare l’ambiente e porre un accento sulle pareti è quello di utilizzare lampade da terra o da tavolo, oltre che quelle da parete. Per quanto riguarda la loro posizione, è possibile scegliere tra illuminazione dall’alto, dal basso o laterale.

  • Dall’alto. L’illuminazione dall’alto è probabilmente quella più utilizzata per mettere in risalto determinati elementi su una parete, come appunto i quadri. Questo è dovuto al fatto che, più di tutte, richiama la luminosità naturale del sole. Solitamente è prodotta da lampade da muro poste sopra al quadro, con il fascio di luce diretto e orientato verso il soggetto. In base alle dimensioni dell’elemento da valorizzare saranno necessari più o meno punti luce.
  • Dal basso. L’illuminazione del quadro dal basso è senza dubbio la più utilizzata nelle gallerie e nelle mostre, ma anche la più rara nelle case. Tuttavia, se avete un’opera particolarmente significativa e caratterizzata da colori molto accesi, questa soluzione vi consentirà di esaltare ancora di più le meravigliose tonalità e la luce dal basso ricorderà proprio una luce di scena.
  • L’illuminazione laterale è ideale per i quadri dalle dimensioni piuttosto grandi. Se nei due casi precedenti solitamente si utilizzano lampade da parete o, seppur in misura minore, quelle da tavolo, in questo caso è bene prediligere le lampade da terra. Posizionate questi elementi lateralmente al quadro e otterrete un effetto estremamente naturale.

Luce calda o fredda per illuminare i quadri?

Per quanto riguarda la scelta del colore della luce, ovviamente non vi è una risposta universale. Il tono della luce deve essere abbinato alle nuance del quadro: se nel dipinto prevalgono tonalità calde è bene scegliere luci calde, al contrario, se nell’opera prevalgono colori freddi, sarà più indicato scegliere luci fredde. In alternativa, le luci neutre si abbinano alla perfezione con ogni colore.