Un arredo importante

Quando si pensa ad un tavolino, è facile pensare ad un mobile sostanzialmente funzionale, bello sì, ma che deve più che altro non essere ingombrante e passare quasi inosservato. Questo vale sia che lo si metta in salotto, magari tra due divani, o che lo si adoperi all’aperto, in giardino, o in veranda, o in un patio.

Anche un tavolino, invece, può essere una dichiarazione di gusto e di amore per il bello, e questo non dipende solo dalle forme e dal design. Una scelta innovativa e non convenzionale può riguardare anche il materiale di cui è fatto: parliamo, per esempio, di un tavolino in pietra.

Mentre ovviamente ci sono arredi in molti materiali comuni, senz’altro funzionali e pratici, un arredo come un tavolino di pietra ha tutto un altro impatto dal punto di vista estetico.

Inserire un tavolino in pietra nell’ambiente

Un bell’accessorio in pietra impreziosisce immediatamente l’ambiente in cui si posiziona. La pietra è fatta per durare, per essere solida, e dare un senso di centralità all’arredo. Naturalmente un tavolino del genere non può essere messo in qualsiasi punto; occorrerà studiare una posizione in cui il tavolino in pietra valorizzi l’ambiente, e non stoni. Non avrebbe senso circondarlo con sedie dozzinali o metterlo nell’orto. Starebbe benissimo, invece, tra soffici divani cui farebbe come da contrappunto, o, all’aperto, in una cornice verdeggiante elegante e raffinata.

Tipologie

Visto il materiale, lo spessore delle parti sarà in ogni caso significativo; il tavolino può però essere alleggerito con decorazioni scolpite, specialmente sugli elementi verticali. La superficie può essere liscia e levigata; questo valorizza molto il materiale stesso, la pietra in cui è realizzato. Attualmente sono molto apprezzati vari tipi di pietra fossile, di diverse tonalità e lucentezza. La superficie della pietra, poi, può essere lucidata, ottenendo a volte un effetto di vera brillantezza. Alternativamente, almeno parte delle superfici può essere lavorata, bulinata, o lasciata semigrezza.

In ogni caso, è più di un tavolino: è una scultura.